Attività del centro di Riabilitazione

Scrivi al Direttore Sanitario

L'Istituto D. Martuscelli, con operatori esperti nella formazione e riabilitazione dei ragazzi con handicap visivi, da Luglio 2000 ha aperto un Centro di Riabilitazione Specializzato per non vedenti pluriminorati struttura a cui si associano più servizi con differenti funzioni e prestazioni.   Tale struttura , è una delle poche a coprire la larga fascia di utenza del Centro-Sud, utenza sino ad ora affidata a centri di riabilitazione senza peculiari esperienze nel settore dei non vedenti, oppure ad attività di volontariato. Il centro, che si avvale dell'esperienza centenaria dell'Istituto D. Martuscelli, profondo conoscitore delle problematiche e metodiche di intervento per i non vedenti pluriminorati, non svolge solo attività riabilitativa, ma numerose altre attività di supporto finalizzate all'inserimento scolastico, sociale e lavorativo. L'elemento comune dei vari interventi per il non vedente pluriminorato, è da sempre per l'Istituto D. Martuscelli la parola "AUTONOMIA"; Autonomia, come obiettivo principe della riabilitazione volta al recupero funzionale del portatore di handicap più completo possibile. Da sempre questo è l'approccio epistemologico adottato dall'Istituto D. Martuscelli, che si concretizza anche nella programmazione e nell'esecuzione dei vari interventi all'interno delle numerose attività Centro.

 

Beneficiari

L'utenza che usufruisce di numerosi servizi del Centro di Riabilitazione è composta da soggetti in età evolutiva che presentano deficit visivi e sensoriali con pluriminorazioni aggiuntive, quali:

 

  1. disabilità motorie
  2. cognitive
  3. relazionali

La premessa della riabilitazione sta nella valutazione dell’adeguatezza delle funzioni esistenti e nell’analisi delle strategie di compenso funzionale che il soggetto in età evolutiva può mettere in opera. Si possono così promuovere tutti gli strumenti (motori, cognitivi, relazionali) idonei a sollecitare le possibilità residue di sviluppo e tesi al conseguimento del maggior grado di autonomia.

 

Programma di intervento

Il nostro programma di intervento si è articolato in più punti che comprendono attività parallele coordinate su un unico obiettivo: assicurare una assistenza multidisciplinare che possa garantire una continuità nel circuito degli interventi programmati. La verifica degli obiettivi e degli interventi viene effetuata attraverso l'analisi periodica dello sviluppo delle competenze prestazionali, emotive e relazionali dei ragazzi ospiti, rimodellando di volta in volta il "programma" in base alle acquisizioni raggiunte e agli obiettivi a breve, medio e lungo termine da conseguire, modificando i tempi e le strategie di intervento. Programma volto, quindi, ad una presa in carico “globale” del bambino e dell’adolescente per garantire un recupero più efficace. Attraverso, inoltre, un costante lavoro di sensibilizzazione ed informazione, è stato possibile allacciare o consolidare dove già presenti, un sempre maggiore numero di collaborazioni con enti e strutture utili ad un inserimento scolastico , sociale e lavorativo per il ragazzo. grazie anche a ciò è diventato necessario ampliare un'organizzazione differenziata nei percorsi di intervento e arricchita di iniziative sul territorio.

ATTIVITA' DEL CENTRO DI RIABILITAZIONE

ATTIVITA' RIABILITATIVA DOCUMENTAZIONE E DI FORMAZIONE

EQUIPE MULTIDISCIPLINARE

L’equipe multidisciplinare, costituita da specialisti dei vari settori della riabilitazione (neuropsichiatra dell’età evolutiva, psicologo, fisiatra, foniatra, otorinolaringoiatra,oculista, assistente sociale, terapisti della riabilitazione, personale infermieristico) effettua valutazioni periodiche finalizzate all’elaborazione di programmi di intervento utili al massimo recupero funzionale.

Gli obiettivi sono:

1) contribuire a strutturare in équipe in accordo con le strutture sanitarie territoriali una "diagnosi funzionale" la quale, attraverso valutazioni mediche, psicologiche e riabilitative ha l'obiettivo di conoscere tutte le potenzialità del soggetto, anche nelle sue vocazioni, motivazioni, aspetti personali, legati ad esempio allo stato dell'handicap;

2) indicazioni riguardanti interventi riabilitativi appropriati e programmi di trattamento specifici in collaborazione con le strutture presenti sul territorio di provenienza del soggetto;

SERVIZIO DI CONSULENZA PER LE FAMIGLIE

Tale servizio viene offerto a tutte le famiglie che giungono presso la nostra struttura cercando di dare una risposta a quelle che possono essere necessità quali riguardanti:

1)le risorse sul territorio;

2)valutazione delle difficoltà della famiglia con analisi delle risorse interne;

3)traduzione delle caratteristiche del soggetto in strategie educative finalizzate ad una maggiore comprensione della condizione della minorazione ed al miglioramento delle capacità comunicative all’interno del nucleo familiare;

CASA FAMIGLIA

La struttura "Casa Famiglia", costituita da un appartamento autonomo di circa 200 mq, composto da 9 vani, cucina, tripli servizi ed ampio terrazzo, è stata istituita per fornire un luogo che potesse accogliere chi per peculiarità prestazionali e comportamentali o per motivi logistici, necessita di un lavoro articolato in maniera continuativa e di costanti verifiche attraverso un intervento a tempo determinato all'interno di una residenzialità in piccoli gruppi. L'intento è di far si che i ragazzi possano essere parte attiva della struttura e che siano essi stessi ad occuparsi della gestione della quotidianità.  Tale struttura che può ospitare fino a 12 ragazzi, attualmente provenienti da varie Regioni d’Italia, è di appoggio al Centro di Riabilitazione: i ragazzi terminate le attività diurne si recano presso la Casa Famiglia dove sono impegnati in attività pomeridiane sempre finalizzate all’acquisizione di una maggiore autonomia ed integrazione alla vita quotidiana.

SERVIZIO DI CONSULENZA PER LA FREQUENZA A SCUOLA

Valutate le capacità del soggetto e le difficoltà all’interno del contesto scuola, il servizio di consulenza si propone di fornire:

1)programmi didattici;

2)informazioni relative a sussidi scolastici ed ausili specifici per gli apprendimenti curriculari;

3)operatori specializzati con possibilità di intervento domiciliare programmato;

4)consulenza di esperti con possibile funzione di mediazione mediatori tra la famiglia e la scuola

LABORATORI OCCUPAZIONALI E LABORATORI PROTETTI

In virtù di tale consolidata esperienza livello professionale L'Istituto Martuscelli si propone di avviare un progetto per giovani con plurihandicap finalizzato all'istituzione di un servizio per attività lavorative ed occupazionali. L’Istituto già da tempo ha avviato una esperienza di laboratori protetti, finalizzati primariamente a creare un contesto a carattere strettamente terapeutico. L’Istituto si propone ora di fornire attraverso i laboratori stessi, quei contesti all’interno dei quali sviluppare prerequisiti di tipo lavorativo per un eventuale possibilità di favorire un interesse da coltivare per i ragazzi e, ove possibile, un inserimento nel mondo del lavoro o in altri laboratori protetti.

Questo servizio prevede dunque la creazione di laboratori finalizzati :

    1. a sostenere gli interventi riabilitativi, offrendo prerequisiti di tipo lavorativo per eventuali inserimenti in laboratori occupazionali (Progetto Terapeutico Occupazionale) ;
    2. a promuovere lo sviluppo di attività artigianali specifiche per non vedenti, all’interno di una struttura prettamente lavorativa (Progetto Laboratori Protetti).

In entrambe i casi tenendo conto del deficit visivo, dell’eventuale limitata efficienza intellettiva, e/o delle difficoltà motorie, e/o delle difficoltà psicopatologiche del soggetto, scegliendo particolari lavorazioni ed adattando opportunamente le varie fasi lavorative.

LABORATORIO DI CERAMICA

L’attività del laboratorio è incentrata prevalentemente sul potenziamento e sviluppo delle capacità espressive e creative del singolo, attraverso l’uso dell’argilla e di ceramica bianca. Gli strumenti utilizzati vanno dalle mani, all’uso di stampi, al tornio, al forno di cottura, per giungere con soggetti in cui c’è un residuo visivo alla decorazione.

LABORATORIO DI VIMINI

In questo laboratorio viene utilizzato il midollino una con organizzazione delle fasi che prevedono la preparazione dello stesso, l’acquisizione di una manualità necessaria all’intreccio, fino ad arrivare a quella sequenzialità di passaggi per la realizzazione di oggetti quali cestini, o impagliatura di sedie

LABORATORIO DI LEGATORIA

Si prefigge attraverso l’uso di taglierina, pressa, spago, colla, la realizzazione di oggetti quali diari, album, agende, quaderni, oltre alla rilegatura di fascicoli e libri.

LABORATORIO DI ASSEMBLAGGIO

In questo laboratorio vengono ripresi i prodotti finiti del laboratorio di vimini e/o di ceramica per essere arricchiti con decorazioni di natura diversa : fiori-secchi, nebbiolina, grano, nastri, etc.

LABORATORIO DI TESSITURA

La produzione di tappeti, tovaglie, centrotavola, coperte è l’obiettivo da realizzarsi grazie all’uso di un telaio manuale.

LABORATORIO DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA

L’apprendimento dell’utilizzo del computer e degli ausili specifici per soggetti non vedenti con pluriminorazione è fondamentale al fine di garantire a questi soggetti la possibilità di comunicare, studiare ed effettuare traduzioni da testi in nero a testi in braille, il tutto in modo autonomo. L’apprendimento dell’utilizzo del computer e degli ausili (sintesi vocale, barra braille, stampante braille etc.) può in molti casi diventare una vera e propria attività lavorativa.

LABORATORIO MUSICALE

La conoscenza di uno strumento, l’utilizzo della musica come mezzo di comunicazione, appartiene da sempre alla tradizione del non vedente : questo laboratorio ha finalità non solo comunicative-espressive, ma soprattutto l’apprendimento di tecniche riguardanti l’utilizzo di uno strumento musicale e del mestiere di accordatore.

ATTIVITA'  RIABILITATIVA

Parallelo è il lavoro riabilitativo classico con lo svolgimento di terapie quali psicomotricità, logopedia, fisiokinesiterapia, musicoterapia, ortottica, stimolazione sensoriale. Tali terapie vengono svolte in regime di semiconvitto o ambulatorialmente.

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E DI FORMAZIONE

Il settore documentazione riguarda una attività permanente di raccolta dati utilizzati per una costante attività di rielaborazione, studio e riorganizzazione del sistema. Ciò è necessari anche al fine di valutare e censire la presenza sul territorio provinciale e regionale di soggetti pluriminorati, di cui al punto a art. 2 del Decreto Legge 284/97. Inoltre i dati permettono di arricchire il patrimonio di informazioni utili sia alle famiglie che agli operatori i quali regolarmente vengono supervisionati nelle loro attività da un gruppo di esperti. Costante è anche l’attività formativa che prevede corsi di formazione specializzazione ed aggiornamento per gli operatori interni alla struttura. Tutti gli operatori delle strutture (assistenti educatori ed assistenti materiali) oltre al diploma di scuola media superiore, devono avere effettuato presso l’Istituto un corso di formazione teorico-pratico di almeno due anni. Il Centro di documentazione e di formazione inoltre si propone di svolgere funzione anche di ricerca e di verifica della qualità del servizio attraverso :

a)ricerche bibliografiche

b)abbonamenti a riviste specializzate nel settore pubblicazione dei dati riguardanti le esperienze in atto

c)informatizzazione dei dati

Indietro

Avanti

Home page